Diario di bordo

Per questo 25 aprile abbiamo scelto il Lago di Garda per la nostra gita fuori porta. Il clima non era dei più certi, però abbiamo voluto tentare lo stesso un’uscita al lago.

In mattinata abbiamo visitato il piccolo borgo di Peschiera del Garda e nel pomeriggio Lazise, entrambi sulla sponda veronese del Lago di Garda.

smart

Di Peschiera mi ha colpito particolarmente l’idea di veder racchiuso il centro storico entro le mura antiche del paese, ora Patrimonio UNESCO. A questo si accede tramite le due porte, Porta Brescia e Porta Verona. All’interno del centro storico si rincorrono vie e viuzze romantiche, ricche di negozi di alta moda e gadget.
Uno dei punti più caratteristici è sicuramente lungo il corso del fiume Mincio, da cui parte una pista pedonale che arriva fino a Mantova. Qui ristoranti e bar si avvicendano, facendo pregustare solo alla vista il piacere di un aperitivo con vista. A incorniciare il corso del fiume il maestoso Ponte Voltoni, del Cinquecento, dai bellissimi archi in cotto, affacciato sul Canale di Mezzo, dove sostano, ordinate, le imbarcazioni dei pescatori di Peschiera del Garda.

Il meteo ci ha fatto un po’ spaventare e quindi abbiamo deciso di spostarci a Lazise, il primo Libero Comune d’Italia (983), un borgo che ci ha davvero fatto innamorare con le sue vie caratteristiche ed il suo lungolago, tra i più belli del Garda. Non un paesino come immaginavamo, ma un centro ben disposto è racchiuso nelle mura antiche del paese, intervallate da chiese e piazze ampie e maestose. Le mura, da cui è cinto il centro storico, risalgono all’alto medioevo e proteggevano il castello le cui origini sono legate alla storia di Roma che aveva battezzato il borgo come Lacisium.

smart

Appena arrivati, abbiamo deciso di fare una pausa pranzo, fermandoci Al Ventitré per degustare un ottimo risotto ai frutti di mare, accompagnato da un buon calice di Lugana. Terminato il pranzo, abbiamo ripreso la nostra passeggiata, godendoci il lungolago che ci ha condotto alla piazza del paese. Prima di arrivare però ci ha incantati il porticciolo, da cui si vedeva sullo sfondo il campanile e la torre del castello, che sovrasta il paese e lo rende un borgo quasi magico. Questo venne ricostruito, probabilmente, su fondamenta romane nel medioevo intorno al XI secolo quando il territorio era governato dalla Repubblica Veneta ed utilizzato come residenza dei magistrati veneti. Nei secoli il castello fu ampliato, distrutto e restaurato roccaforte degli Scaligeri, dei Visconti, dei Veneziani, dei Lanzichenecchi, dei Francesi e degli Austriaci. Il Castello scaligero è visitabile solo dall’esterno: ha la classica pianta quadrata, con cinque torri ed il mastio.
Ai due ingressi, sono ancora visibili gli stemmi degli Scaligeri fatti scalpellare dall’imperatore Massimiliano per accontentare l’astio degli abitanti di Lazise per il potere esercitato con la forza dagli Scaligeri.

Il giro del borgo è davvero molto breve, si fa in poco tempo, ma prima di andare via abbiamo deciso di dedicarci ugualmente a un po’ di shopping tra le vie del paese, acquistando ricordi e pensieri di questa bella giornata sul lago.

Era il 1993 quando le Giornate FAI debuttavano con 50 aperture in 30 città e 500 volontari. Quest’anno, il 26 e 27 marzo, trentesima primavera, i luoghi aperti, solitamente inaccessibili o poco conosciuti, saranno 700 in 400 città e in tutte le regioni. L’edizione 30 è dedicata all’Ucraina e al valore civile del patrimonio culturale. […]

Contina a Leggere

Quest’anno San Valentino capita di lunedì, un giorno che proprio non ci piace, vero? E allora io e Lorenzo abbiamo deciso di festeggiare oggi, con una splendida domenica nella neve, il nostro ambiente naturale. In modo particolare, abbiamo pensato di andare sul Ghiacciaio Presena. Lassù sembra di essere in paradiso, tra vette innevate ed aria […]

Contina a Leggere

Ho sempre sognato di essere a Milano nel periodo natalizio. Tutte le città sono belle a #Natale, ma Milano – questo vedevo dalle foto – è bellissima. L’albero Swarovski con le sue lucine ed i suoi cristalli, la Rinascente vestita a festa, Fao Schwarz Italia che mi ha fatto ritornare bambina, il mio amore i […]

Contina a Leggere

Questa mattina io e Lollo abbiamo fatto quattro passi in Svizzera. Già, sembra lontanissimo a dirlo ma in realtà è quasi vicino casa. Già a dirlo il nome “Svizzera” mi fa pensare a acque cristalline, neve e cioccolata ovviamente. Ed è stato quello che ho trovato appena oltrepassato il confine con l’Italia: il Lago di […]

Contina a Leggere

Il colore caldo del vino, le caldarroste e l’intensità e bontà dei sapori toscani fanno della Toscana una meta irresistibile per l’autunno. Cipressini, vitigni e palazzi storici danno a questi posti un sapore di cose belle, buone, in cui sentirsi accolti come davanti ad un camino acceso. Io e Lorenzo abbiamo visitato una delle zone […]

Contina a Leggere

Per molti è Halloween, per me è il “ponte dei morti”. Che detta così ci sta, ma se vi dicessi la frase “quando cadono i morti quest’anno?!” beh, vi verrebbe almeno da sorridere. Qualche giorno fa parlavo con una mia collega di questa data e mi è venuta tanta nostalgia. Una festa semplice, modesta, a […]

Contina a Leggere

Foliage: il cambio di colore delle foglie sugli alberi, tipico dei mesi autunnali. Già… è una parola bellissima e solo a pronunciarla siamo avvolti da quella bellissima sensazione tipicamente autunnale, che riesce ad evocare il profumo delle castagne, il primo caldo del camino e la cioccolata calda. Da calendario il foliage, noto anche come cromatismo […]

Contina a Leggere

🏞️ Non lontano da Ponte di Legno si trova il Laghetto di #Valbione a circa 1500 Mt. Immerso nei boschi, a metà strada tra Ponte e il Corno d’Aola, si può arrivare al laghetto con la seggiovia o tramite una strada o un percorso. Una volta arrivati, nel lago si può praticare la pesca e […]

Contina a Leggere